Penne a sfera Montblanc

Loading...

La storia di Montblanc

La storia di Montblanc inizia nel primo decennio del ventesimo secolo, un'epoca di riforme e sconvolgimenti radicali, un teso passaggio tra epoche e mentalità diverse, ma anche terreno fertile per la novità in tutto il mondo. Era un periodo di pionieri. Nel 1900, la Germania era la più grande economia in Europa e la seconda nel mondo, dietro agli Stati Uniti. Nel 1906, un tecnico tedesco di nome August Eberstein tornò a casa dopo un periodo negli Stati Uniti. Era rimasto affascinato dalle penne stilografiche durante la sua permanenza in America, e mentre lavorava come direttore di fabbrica e ingegnere per la Boston Fountain Pen Co. aveva richiesto sei brevetti tra il 1901 e il 1904 per evoluzioni innovative dello strumento. Tornato in Europa, Eberstein si recò prima a Berlino, la città più grande dell'Impero tedesco, per iniziare un'attività. Ha collaborato con il commerciante con sede ad Amburgo Alfred Nehemias e l'uomo d'affari Claus Johannes Voss e il trio ha fondato la Simplo Filler Pen Co. Il nome dell'azienda deriva dalla sua etica: penne stilografiche facili da usare, snelle e reinventate per risolvere i problemi di rotture, perdite e ingombri ingombranti comuni nel periodo.

Fu nel 1910 che Simplo lanciò il prodotto che alla fine avrebbe definito il suo futuro e ribattezzato l'azienda: Montblanc. Nel '900 Simplo era un'azienda giovane, elastica e dinamica, al passo con i tempi, veloce e fluida. E stavano ancora evolvendo la loro identità. Nel 1909, il cofondatore Nehemias morì improvvisamente durante un soggiorno a Parigi; nello stesso periodo, August Eberstein lasciò l'azienda. Claus Voss ha preso il comando, mettendo insieme una squadra per continuare a lavorare insieme e sviluppare Simplo. Nel 1910 la Simplo Filler Pen Co. lanciò un altro strumento di scrittura bicolore, questa volta un'elegante penna di ebanite nera ricoperta di bianco come la neve. Per il nome del marchio, hanno scelto Montblanc, ovviamente intitolato alla catena del massiccio del Monte Bianco, la spina dorsale delle montagne a cavallo tra Francia, Italia e Svizzera e, in particolare, la singola vetta del Monte Bianco, la montagna più alta delle Alpi e in Europa. Come per il suo predecessore, l'eleganza e l'aspirazione al viaggio sono state evocate automaticamente con il nome francofilo che era quasi onnipresente nell'uso mondiale, e quindi universalmente riconosciuto. Ma c'era anche un'ulteriore aspirazione: uno spirito pionieristico, l'idea non solo di ammirare un pinnacolo da lontano, ma addirittura di scalarlo. Le alte vette del Monte Bianco sono state immediatamente associate alla qualità degli strumenti da scrittura a marchio Montblanc: il picco d'Europa che ha ispirato il picco della scrittura, come ha giustamente affermato uno dei parenti di Voss quando il nome è stato concepito per la prima volta, presumibilmente durante una partita a carte. Il caratteristico berretto bianco era, e rimane, un richiamo visivo diretto della vetta perennemente innevata del Monte Bianco, sia omonimo che ispirazione. Nel 1913, lo sviluppo fu ulteriormente spinto; l'iconico emblema Montblanc è stato ideato per la prima volta, sostituendo il semplice cappuccio rotondo bianco con un marchio immediatamente identificabile che oggi rappresenta Montblanc per tutti gli osservatori. L'emblema rimane un segno distintivo e un simbolo distintivo di Montblanc nel ventunesimo secolo: un esagramma, un motivo geometrico a sei punte, bordi morbidamente arrotondata, la forma è stata concepita per rispecchiare i sei maggiori ghiacciai della montagna, convergendo al suo apice in una veduta aerea. Di conseguenza, il messaggio quando si esamina una penna Montblanc è che si è arrivati ​​in vetta. Astratta e stilizzata allo stesso tempo, ma immediatamente "leggibile", specialmente se osservata nel contesto, a coronare il "picco" della penna stilografica Montblanc, il simbolo è diventato un significante senza parole ma spontaneo di Montblanc. Come per tutti i simboli davvero grandiosi, e l'emblema di Montblanc è senza dubbio di livello

come uno dei grandi moderni, questa immagine era ricca e profonda, sfaccettata come la sua forma, carica di una litania di significati, che evocava idee e ideali diversi. La formazione simmetrica può anche essere vista somigliare ad una stella astratta, ulteriore segno di eccellenza e qualità. Il simbolismo delle stelle è carico: rappresentando la forza e l'energia divina, una stella è qualcosa a cui mirare. Rappresenta uno sforzo, come nella frase latina per aspera ad astra "attraverso le difficoltà alle stelle". Le stelle sono spesso viste anche come simboli protettivi; adatto qui, posto sull'involucro protettivo di una penna stilografica. Come con l'uso di parole come "sicurezza" e "semplice" da parte di Simplo, questa era un'altra garanzia di sicurezza e fiducia nel meccanismo e nella qualità di un pezzo Montblanc, mentre l'associazione indelebile e immediata con la vetta del Monte Bianco afferma uno zenit raggiunto. Accanto al nome e all'emblema, è stato ideato un intero universo di immagini, rafforzando e riaffermando il messaggio attorno al nome Montblanc. Le catene montuose alpine nebbiose sono diventate lo sfondo pubblicitario per gli strumenti di scrittura, alleando Montblanc direttamente con l'alpinismo: l'idea di scalare le altezze, di avventura ed esplorazione, oltre all'innegabile fascino del viaggio. Nel 1934, l'identificazione di Simplo con il suo unico modello Montblanc più venduto, già un nome familiare, era così intrinseca, la società rinominata come Montblanc-Simplo GmbH.

Gli anni '20 hanno contribuito a cementare questa connessione intrinseca: nel 1919, l'azienda Simplo Filler Pen Co. ha iniziato a vendere al dettaglio Montblanc attraverso i propri negozi, contrassegnati dal nome del marchio in caratteri semplici e modernisti. All'inizio del decennio successivo, Simplo fondò un dipartimento di marketing, un'idea completamente nuova, moderna e pionieristica, sotto la guida dell’artista di talento Grete Gross.

Montblanc è stata eccezionale in questi primi anni per l'elevato volume di dipendenti donne, riflettendo sia la delicatezza del lavoro e le esigenze e le restrizioni della Grande Guerra, ma Gross era un raro esempio di donna in una vera posizione di potere, e la sua influenza su Montblanc fu sia di vasta portata che di lunga durata. Nata Adrienne Elisabeth Margarethe "Grete" Gross nel 1890 a Riga, allora parte dell'Impero russo, Grete Gross, conosciuta con il suo soprannome, Gre-Gro, studiò arti e mestieri ad Amburgo tra il 1911 e il 1919. Fu insegnata dal pittore austriaco Otto Czeschka, parte della Wiener Werkstatte, collettivo pionieristico di designer e artisti modernisti i cui principi sono stati applicati a molteplici campi, tra cui pelletteria, gioielleria, ceramica e moda. L'influenza delle linee pulite e delle geometrie audaci della Wiener-Werkstatte-Stil , come era conosciuta l'estetica del gruppo, può essere vista attraverso l'Art Deco e lo Staatliches Bauhaus, ed è stata un'influenza formativa sullo stile grafico di Gross. Lo stesso anno in cui Gross ha terminato la sua formazione, ha iniziato a lavorare per Simplo e Montblanc, reclutata da capo delle vendite Wilhelm Dziambor, che ha riconosciuto sia il suo talento innato che l'importanza dell'originalità non solo del prodotto, ma anche dell'immaginario accattivante e innovativo del marketing che lo circonda. Le sue diverse linee in modo memorabile dalla genesi stessa dell'azienda: la gamma Rouge et Noir è stata pubblicizzata con una figura ben vestita di un uomo di città che infilava una penna stilografica nella tasca della giacca, un'indicazione delle caratteristiche di sicurezza senza perdite degli strumenti di scrittura . L'immagine che Gross e il suo team hanno creato per Montblanc, tuttavia, era sorprendentemente contemporanea, vibrante, dinamica, assolutamente in sintonia con gli emergenti anni '20, l'era jazz dei grattacieli e Bright Young Things. Piuttosto che figurativi, presentavano astrazioni scoscese come sagome ritagliate in piani di colore ininterrotti. Il frastagliato, sans serif "A" di Montblanc è stato affilato in un picco di montagna profilato; Greta Gross ha supervisionato lo sviluppo di questo font, forse disegnandolo con il suo hanc, e un'evoluzione dello stile è ancora utilizzata per il marchio denominativo Montblanc. In riconoscimento della sua importanza nell'aiutare a creare una visione indelebile, Gross divenne un funzionario autorizzato dell'azienda nel 1925. Confrontare la pubblicità Montblanc sotto Gross con quella di un decennio prima sembra un mondo a parte e, in effetti, dopo la guerra un nuovo mondo era emerso, guardando al futuro e abbracciando un cambiamento radicale.

Il radicalismo del marketing di Montblanc si è manifestato non solo nel suo design grafico, ma anche nei modi ingegnosi in cui sono stati trasmessi al pubblico. Un intero team di creativi di talento si è dedicato all'ideazione di idee di marketing innovative e fantasiose: hanno progettato espositori speciali per vetrine e fiere, non ultima per la Fiera di Lipsia nel 1922, durante la quale un aereo Doppeldecker ha volato in alto con il nome Montblanc. Un colpo di genio, ha sorvolato la fiera per tutta la sua durata, attirando folle verso i prodotti Montblanc e pubblicizzando ulteriormente il nome dell'azienda. L'efficacia di tali metodi era stata dimostrata anche prima: la denominazione Montblanc divenne così popolare che il suo predecessore, Rouge et Noir, fu interrotto intorno al 1916, durante la Grande Guerra. Nello stesso periodo, Montblanc ha arruolato un altro veicolo innovativo, letteralmente, per promuovere il suo prodotto. Un convoglio di auto è stato appositamente dipinto con grafica alpina e logo Montblanc. Ancora più sorprendente, ognuna era decorata con una penna stilografica gigante sul tetto e i coprimozzi erano coperti con l'emblema Montblanc. Questa flotta di auto ha attraversato diverse città e paesi, diventando una pubblicità semplice, diretta e in continuo movimento per Montblanc. Loro e Gross erano decenni in anticipo sui tempi. L'identità visiva di Gross per Montblanc era così forte che può ancora essere vista decenni dopo: gli schizzi degli interni dei negozi Montblanc della metà del secolo portano ancora la sua impronta nella nitidezza del design del logo e nelle linee pulite e riduzioniste. Oggi, oltre un secolo dopo aver iniziato a lavorare alla Montblanc, sembra ancora moderno. In effetti, la Montblanc di oggi rende omaggio agli anni di fondazione dei pionieri: sono rappresentati dal trio di anelli che circondano l'iconica Meisterstuck, ma in modo più astratto da ogni nuova espansione e sviluppo che riff sui temi, le iconografie e il patrimonio Montblanc.

Il marchio oggi occupa uno spazio unico all'intersezione tra il professionale e il personale, rappresentando e promuovendo uno stile di vita in cui queste due sfaccettature non competono ma si arricchiscono a vicenda, un concetto che quei fondatori pionieri identificavano e si occupavano nei primi anni del secolo. Con Montblanc, il cliente viene prima di tutto: vengono lanciate le penne mirando a gusti sia femminili che maschili, il primo di dimensioni più ridotte, inseguito l'opulare con l'oro e scheletrato, in stili che ricordano i nuovi compatti per il trucco e le piccole borse da sera necessarie degli anni '20, e che si adatterebbero perfettamente anche al secondo. Per gli uomini, gli strumenti di scrittura erano robusti e maschili e riflettevano temi e mode dei tempi, come la rabbia degli anni '20 per tutto ciò che è egiziano. Un fattore di unione è stato l'eccesso di qualità. In contrasto con questo, Montblanc lanciò per la prima volta la pelletteria nel 1926, creando portapenne e portadocumenti e stili di portadocumenti per l'emergente uomo d'affari globale. È stata un'impresa straordinaria, un altro aspetto dell'azienda così lungimirante da essere visionaria. Montblanc ha anticipato la diversificazione del lusso nel corso del ventesimo secolo, offrendo alla sua clientela un'esperienza Montblanc completa. La nozione di viaggio è sempre stata importante per Montblanc. È un'esperienza intrinseca e integrale nell'uso di uno strumento di scrittura Montblanc. Le penne non sono mai fisse, sempre in viaggio, attraverso la pagina, o con i loro titolari, o addirittura nel futuro, costruite per durare oltre una vita. E il lavoro di Montblanc riecheggia anche la locomozione che è diventata un simbolo del ventesimo secolo: quando le automobili sono diventate prodotte in serie, quando le persone hanno iniziato a muoversi per il mondo come mai prima d'ora. Uno scrittore, ovvero chiunque scriva, non ha più bisogno di essere incatenato alla propria scrivania, facendo affidamento su sistemi obsoleti di calamaio e penne a immersione. Uno scrittore aveva bisogno di uno strumento che fosse leggero, snello, sicuro ed elegante: temi che, dopo la Grande Guerra, unissero la cultura attraverso l'architettura, l'arte e il design, nel perseguimento di un ideale modernista. v1ontblanc era perfettamente adatto a quel momento. Nelle sue mani, la scrittura è diventata altrettanto dinamica, creando strumenti di scrittura che hanno permesso a chiunque, ovunque, di catturare i propri pensieri, registrare i propri tempi e comunicare con gli altri. Quell'ethos, quel dinamismo, è stato inerente a tutto ciò che Montblanc ha concepito e creato.

Allora, e ora.